Quartieri in opera viene presentato al bando quartieri 2019 del Comune di Milano dalle cooperative sociali Cogess, Ireos, Eureka! e BES.

Ognuna di esse si occupa di temi sociali in modo diverso:

Cogess vuole essere il punto di contatto tra enti pubblici, privati e singoli cittadini al fine di promuovere integrazione, coesione e solidarietà sociale.

Ireos organizza ed eroga servizi assistenziali, educativi e ricreativi a persone di tutte le fasce d’età.

Eureka! costruisce reti sociali coltivando l’arte della presenza e della competenza.

BES infine si occupa formazione e inserimento lavorativo nel settore ITC rivolto a persone con svantaggio.

Il progetto è supportato dal Comune di Milano, con la collaborazione di Milano Positiva APS e Compagnia FuoriOpera.

Quartieri all’opera coinvolge attivamente i cittadini nell’ideazione e nella realizzazione di uno spettacolo operistico con il supporto professionale dei partners.

Coinvolgimento e realizzazione

La pièce verrà scelta dai cittadini attraverso una votazione e sarà messa in scena grazie all’utilizzo di scenografie digitali.

La rappresentazione finale verrà eseguita in tre zone diverse del Municipio 3, così da coinvolgere più persone possibili.

LE FASI DEL PROGETTO

Scouting & Co-design

Durante questa prima fase, il progetto verrà presentato in una serie di incontri pubblici per reclutare gli attori (in modo particolare adolescenti) da coinvolgere nelle fasi successive.

Making

In questo secondo momento, verranno realizzate le scenografie digitali, i costumi e gli arredi, oltre allo storytelling di fondo.

Performing

Aprendo il sipario, inizieranno spettacoli itineranti condivisi attraverso laboratori di ripresa e broadcasting.

Obiettivi

Quartieri in opera è un progetto che sfrutta l’arte, per mettere in scena opere teatrali e riqualificare così diversi spazi urbani dandogli nuova coscienza e una fruizione condivisa.

Andare a teatro significa creare un punto d’incontro tra generazioni e culture diverse che possono essere coinvolte in un lavoro collettivo durante il quale il ruolo di insegnante e studente verrà continuamente rivisto e messo in discussione.

Uno dei risultati ai quali punta Quartieri in opera è il trasferimento delle competenze pratiche e di responsabilità così da aiutare gli adolescenti ad affacciarsi in modo corretto al mondo del lavoro.

“Un quartiere non è solo l’insieme degli edifici

ma soprattutto la comunità di persone che lo abita”

Quartieri all’opera vuole favorire incontri positivi tra cittadini per modificare o addirittura abbattere stereotipi e preconcetti.